Regolamento

Regolamento alunni Scuola Secondaria di Primo grado Paritaria “Il Seme”

 

Art. 1 – Inizio delle lezioni, ritardi, entrate posticipate ed uscite anticipate

  1. I cancelli della scuola aprono alle 7.50 e gli alunni devono recarsi nelle aule loro assegnate entro le ore 8.00.
  1. Gli alunni che si presentassero a scuola in ritardo e privi di regolare giustificazione saranno ammessi in classe subito o dopo il termine della prima ora (per non disturbare lo svolgimento delle lezioni), a discrezione del Dirigente scolastico (o del suo delegato). Detti alunni sono comunque tenuti a presentare, alla prima ora del giorno successivo il ritardo, la giustificazione redatta sull’apposito modulo presente nel diario.
  2. In occasioni eccezionali il Genitore (o altra persona riconosciuta dall’Istituto) può chiedere che l’alunno sia ammesso in classe dopo l’inizio delle lezioni o che esca prima del loro termine. La richiesta dovrà essere compilata utilizzando i moduli presenti sul diario e consegnata al Dirigente scolastico (o al suo delegato) all’arrivo in Istituto, nel caso di entrata in ritardo, o prima dell’inizio delle lezioni, in caso di uscita anticipata. Per non disturbare il lavoro dei docenti e degli altri alunni, è opportuno che gli orari di entrata e di uscita vengano fatti corrispondere con quelli di inizio e fine delle ore di lezione. La presenza in classe, comunque, non potrà essere inferiore alla metà del monte ore complessivo della giornata.

 

Art. 2 – Giustificazione delle assenze

  1. Per tutte le assenze dovrà essere presentata al Dirigente scolastico, tramite il docente in orario durante la prima ora del giorno in cui avviene il rientro a scuola, una richiesta di giustificazione firmata da un genitore (o da altra persona riconosciuta dall’Istituto) e redatta sugli appositi moduli presenti nel diario.
  2. In base alle disposizioni delle Autorità Sanitarie, dopo sei giorni di assenza l’alunno, per poter essere riammesso a frequentare le lezioni, dovrà presentare un certificato medico attestante le sue buone condizioni di salute. Nel computo dei sei giorni vanno calcolati anche eventuali festività o vacanze contigue al periodo di assenza. Il certificato non sarà richiesto nel caso di assenze non dovute a malattia, qualora il Genitore (o altra persona riconosciuta dell’Istituto) avvisi preventivamente il Dirigente scolastico mediante una comunicazione scritta (il modulo può essere richiesto in segreteria). Il preavviso non sostituisce la giustificazione, che dovrà essere comunque redatta sull’apposito modulo del diario.
  3. Gli alunni che, dopo un’assenza (o altra irregolarità nella frequenza delle lezioni), si presentassero a scuola per due giorni consecutivi sprovvisti di giustificazione non saranno accettati in classe. Qualora mancasse il certificato medico, invece, l’alunno non potrà essere ammesso alle lezioni.
  4. Si rammenta che le assenze non potranno superare un quarto del monte ore complessivo previsto dal calendario scolastico.

 

Art. 3 – Uso del diario e dei moduli per le giustificazioni

  1. Il diario personale dell’alunno è lo strumento privilegiato per le comunicazioni scuola – famiglia: va pertanto tenuto con la massima cura e ordine.
  2. Possono firmare le giustificazioni (sugli appositi moduli presenti nel diario) soltanto i genitori, o altre persone riconosciute dall’Istituto, le cui firme siano state preventivamente depositate in segreteria; qualunque altra firma, anche se di persona maggiorenne, non sarà accettata.
  3. La manomissione o la falsificazione da parte dell’allievo delle domande di giustificazione o di altri documenti per i quali è richiesta la firma dei genitori costituisce una mancanza gravissima che, se accertata, comporterà la sospensione del responsabile.

 

Art. 4 – Comportamento degli alunni

  1. Gli alunni devono mantenere un comportamento corretto e rispettoso di sé e degli altri durante tutta la permanenza in Istituto. Essi osserveranno le indicazioni e i richiami dei docenti (anche se non sono incaricati di insegnamento nella loro classe) e del personale non docente.
  1. Durante le lezioni gli alunni possono uscire dalla classe, a discrezione del docente, ma soltanto uno per volta ed esclusivamente per recarsi ai servizi e in segreteria. L’insegnante non potrà far uscire un secondo alunno prima che il precedente sia rientrato in classe. Non è consentito agli alunni soffermarsi nei corridoi e/o nel cortile né ritardare, senza giustificato motivo, il proprio rientro in classe. Nella prima ora e in quella successiva all’intervallo (sia della mattina che della mensa) gli alunni non potranno uscire dalla classe.
  2. È vietato allontanarsi dalla classe tra un’ora di lezione e l’altra o in caso di ritardo o di assenza temporanea del docente.
  3. È vietato uscire dall’Istituto sia durante le lezioni che durante l’intervallo.
  4. Durante l’intervallo gli alunni possono usare il cortile della scuola soltanto se accompagnati da un insegnante; essi però rientreranno nei locali dell’Istituto entro e non oltre le ore 11.10, al suono della campana.
  5. Gli alunni non devono portare in classe, né utilizzare durante le lezioni, oggetti non pertinenti le attività scolastiche in corso. Tali oggetti saranno ritirati dai docenti e restituiti ai genitori.
  6. La Scuola declina ogni responsabilità per oggetti di valore lasciati incustoditi (anche se inerenti all'attività didattica).
  7. Durante l’orario scolastico, intervalli compresi, in tutti i locali dell’Istituto e nelle sue pertinenze i telefoni cellulari devono essere tenuti spenti.Qualora gli alunni utilizzassero impropriamente detti cellulari, sarà cura del docente requisirli e restituirli personalmente al Genitore. Per garantire la validità delle prove d’Esame o di altre esercitazioni in classe, a discrezione della Commissione o dei singoli docenti, potrà essere richiesto agli alunni di consegnare i telefoni.
  8. In tutti i locali della scuola e nelle loro pertinenze è vietato, senza autorizzazione del Dirigente scolastico, effettuare – con qualsiasi mezzo – riprese video, fotografie e registrazioni audio, a prescindere dal consenso dei soggetti. L’infrazione sarà considerata particolarmente grave nel caso in cui il materiale registrato venga pubblicato, o altrimenti diffuso, o qualora le riprese abbiano come oggetto minori. I responsabili di tali atti, oltre a subire sanzioni disciplinari, incorreranno nelle conseguenze previste per la violazione delle leggi vigenti in materia di privacy.
  9. Durante tutta la loro permanenza in Istituto, gli alunni non possono ricevere visite di persone estranee alla scuola.

 

Art. 5 – Uso delle strutture e degli spazi

  1. Le aule devono essere mantenute pulite e in ordine. Ogni studente deve riordinare il proprio materiale prima delle pause (intervallo, mensa, uscita). Gli allievi sono responsabili degli arredi e del materiale tecnico-didattico di cui fanno uso. L’Istituto si riserva di chiedere un risarcimento per gli eventuali danni provocati da un comportamento improprio e/o negligente.
  2. Le scale esterne di emergenza e le porte di sicurezza che ad esse accedono potranno essere utilizzate soltanto in caso di reale pericolo. Ogni abuso di queste strutture, o degli altri dispositivi di sicurezza dell’Istituto, comporterà la sospensione del responsabile.
  3. Salvo diversa indicazione, gli alunni devono utilizzare i servizi igienici del piano terra, dove si svolgono le loro lezioni. Agli alunni della scuola secondaria di primo grado è vietato l’uso dei servizi igienici del piano superiore, riservati alla scuola primaria.

 

Art. 6 – Divieto di fumo

1.   È vietato fumare in ogni locale della scuola (compresi i bagni) e nel cortile dell’Istituto.

 

Art. 7 –Sanzioni disciplinari

  1. In caso di mancanze gravi o reiterate da parte degli alunni, o qualora i richiami verbali risultassero inefficaci, i docenti dovranno apporre sul Registro di Classe una nota disciplinare; potranno anche, se opportuno, espellere l’alunno dalla classe.
  2. Le mancanze particolarmente gravi saranno punite attraverso un periodo di sospensione dalla frequenza delle lezioni (da uno a quindici giorni). La sospensione verrà inoltre assegnata, su decisione del Consiglio di Classe,  dopo tre gravi note disciplinari.